Saldi invernali, i consigli di Altroconsumo, Adusbef e Federconsumatori

di Fabiana Commenta

Sono comunicati solo pochi giorni fa i saldi invernali che andranno avanti in tutta Italia fino alla fine di febbraio, marzo: per non cedere allo shopping compulsivo è anche bene prestare particolare attenzione gli acquisti, ma è anche consigliabile effettuare gli acquisti con una certa attenzione senza lasciarsi attrarre dagli sconti. 

A fornire una serie di utili consigli sono diverse associazioni dei consumatori, Altroconsumo, Adusbef e Federconsumatori, che indicano come orientarsi fra gli acquisti ricordando anche i diritti dei consumatori. 

1) Prima dell’avvio dei saldi verificare il prezzo dei prodotti che si vogliono acquistare: in questo modo ci si potrà rendere conto del reale sconto applicato. 

 

2) Non fermarsi mai primo negozio che si incontra: è sempre bene confrontare i prezzi applicati in diversi punti vendita per orientarsi nella scelta di prodotti più necessari. 

 

3) Diffidare delle vetrine coperte da manifesti che non consentono di vedere la merce: ma diffidare anche di negozi che applicano sconti eccessivi, pari o superiori al 60%. Il 40% è una percentuale di sconto accettabile. 

 

4) Controllare accuratamente il cartellino: dovrà contenere il vecchio e il nuovo prezzo con l’esatta percentuale dello sconto.

 

5) Obbligo di accettazione di pagamento con carte di credito o bancomat:  un obbligo che sono tenuti a rispettare i commercianti.

6) I prodotti a saldo devono essere di fine stagione, ma dell’anno in corso e non delle stagioni degli anni passati: i prodotti di magazzino possono essere venduti, ma separatamente rispetto a quelli in saldo.

7) Anche se il cambio del prodotto non è obbligatorio, ma è a discrezione del negoziante, conservare lo scontrino va conservato come prova di acquisto: è indispensabile se la merce è fallata o non conforme perché obbliga il commerciante alle norme di legge relative alla garanzia di sostituzione o al rimborso della somma pagata.

8) I commercianti non sono obbligati a far provare i capi di abbigliamento: meglio però diffidare dei negozi che non consentono la prova degli abiti. 

9) Per problemi rivolgersi ai vigili urbani, all’ufficio comunale per il commercio o ad un’Associazione di consumatori.

10) Un negoziante convenzionato con una carta di credito è tenuto ad accettarla sempre, anche in periodo di saldi. 

11) I prezzi esposti vincolano il venditore: se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato è necessario farlo notare al negoziante e in caso, infornare i vigili urbani. 

12) Se si compra una merce che è stata espressamente messa in saldo perché difettata non è possibile far valere la garanzia contestando il difetto al negoziante.

13) La garanzia vale per due anni dall’acquisto anche per la merce in saldo: attenzione agli scontrini di carta chimica che potrebbero deteriorarsi, meglio fotocopiarli. 

SALDI INVERNALI 2019, ECCO IL CALENDARIO DETTAGLIATO 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>