Cucinare con gli avanzi, la torta di pane

di Salvina 9

Come sapete, soprattutto se siete nostri lettori assidui, esiste una moltitudine di ricette economiche che è possibile realizzare con gli avanzi di cibo. Comprare troppo pane e buttare in pentola troppa pasta è un evento piuttosto comune che può facilmente trasformarsi in un’occasione ghiotta per preparare pietanze squisite a costi decisamente contenuti.

Mentre la pasta avanzata può diventare l’ingrediente di base per una gustosissima frittata, della quale Laura vi ha dato la ricetta pochi giorni fa, il pane raffermo è un’ottima base per pietanze come la pappa al pomodoro, il condiggione, la panzanella toscana, il pane a pizza, le polpette e persino il budino (tranquilli tutte le ricette le trovate già sul nostro blog).

Ma non solo, il pane avanzato può essere riutilizzato anche per confezionare una deliziosa torta di frutta, ideale per essere consumata durante la prima colazione e risparmiare così anche sull’acquisto di biscotti e merendine.

Vediamo allora come si fa la torta di pane avanzato:

Come sempre in questi casi, gli ingredienti che vi occorrono sono pochi, semplici, economici e a portata di mano.

Torta di pane avanzato, Ingredienti

pane raffermo

1 uovo

latte

due cucchiai di zucchero

frutta a piacere

Naturalmente le quantità andranno calibrate in funzione della quantità di pane che utilizzerete.

Procedimento

Dentro a una terrina, spezzate il pane in pezzi di media grandezza, quindi versateci sopra il latte che avrete fatto scaldare preventivamente. Date una prima mescolata e aggiungete l’uovo e i due cucchiai di zucchero. A questo punto tagliate in piccoli pezzi la frutta che avete scelto (meglio se di stagione)! e aggiungetela agli altri ingredienti. Amalgamate tutto aiutandovi con un cucchiao di legno e versate dentro a una teglia che infornerete a temperatura medio-alta per circa 30 minuti. Lasciate raffreddare prima di servire.

E se decidete di prepararla ricordatevi di farci sapere com’è andata!

Commenti (9)

  1. Quando ho tanto pane solitamente faccio la pinza. Metto del pane (circa un kilo) tagliato a pezzetti in una terrina capiente e bagno con un litro di latte; lascio in ammollo almeno un’ora.
    Aggiungo 2 uova, qualche cucchiaio di zucchero, un paio di mele, (o pere) un po’ di uvetta, fichi secchi, noci, mandorle, la buccia e il sugo di un’arancia, pinoli, un po’ di brandy e tutto ciò che ho in casa (vanno benissimo anche i resti di pandoro e panettone, in questo caso dimezzo le dosi del pane) un po’ di farina se serve e un cucchiaino di lievito
    Metto in una pirofila imburrata, fiocchetto la superficie con zucchero di canna
    e lascio a cucinare a 150-180 gradi per circa un’ora….
    era una ricetta della mia nonna…. lei aggiungeva anche 2/3 cucchiai di cacao amaro e la chiamavamo la mora!!!!
    provatela è sempre un successo.

  2. @ Lucia:
    grazie per il suggerimento! la proverò senza dubbio

  3. Sicuramente se si mettono tutti ma proprio tutti gli ingrdienti senza ometterne alcuno ( uvetta, fichi secchi, noci, mandorle, pinoli..) la ricetta è squisita altrimenti se si utilizza solo il pane, il latte e le mele è sicuramente meglio aggiungere molto più zucchero o fruttosio alla ricetta originale altrimenti il risultato è alquanto scialbo.

  4. @ Lucia:
    anche mia mamma mi ha insegnato una ricetta simile imparata dalla nonna! da noi si chiama”smaiassa”e prevede oltre agli ingredienti che hai suggerito anche due cucchiai di farina gialla .

  5. ho appena infornato la vostra torta di pane…chissà come verrà!!! ps l’unica cosa ke nn sapevo come regolarmi con la quantità del latte… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>