Risparmiare sugli alimenti, vediamo come essiccare le erbe aromatiche

di Salvina 3

L’estate è quasi finita e siete tornati dalle vacanze…

Dopo aver trascorso due mesi da cicala però adesso è arrivato il momento di trasformarsi in laboriose formichine e cominciare a pensare al modo di affrontare al meglio l’inverno che, almeno sul fronte dei rincari, quest’anno promette di essere rovente.

Un tempo, ma questo forse ve lo abbiamo già detto, le nostre nonne si preparavano ai rigori invernali confezionando sul finire della bella stagione le conserve alimentari: sugo di pomodoro, marmellate, verdure sott’olio venivano stipati in abbondanza dentro la dispensa.

Ma non solo:

Se ricordate bene infatti dei bei rametti di origano o rosmarino appesi “a testa in giù” facevano bella mostra di sè sui balconi o le terrazze delle loro case misteriose.

La nonna le teneva lì per farle essiccare e, una volta conservate con cura, utilizzarle per insaporire le pietanze. Lei infatti non andava a comprare le erbe aromatiche al supermercato dentro a una coreografica confezione a un prezzo scandaloso.

Ma quale procedimento seguiva?

Vediamo un pò:

La nonna raccoglieva i rametti di erbe aromatiche nel momento in cui erano più rigogliose e profumate, se decideva di raccogliere origano, timo e maggiorana poi faceva attenzione che fossero molto fiorite, quindi scartava le foglie che non avevano un bell’aspetto e le legava in piccoli mazzi non molto stretti.

A questo punto li sciacquava bene sotto l’acqua del rubinetto e li scuoteva energicamente per eliminare l’acqua in eccesso.

Quindi li appendeva a testa in giù in un luogo asciutto e ventilato (mai sotto al sole diretto!) e si ricordava sempre di ritirarli durante la notte.

Quando i rametti le sembravano seccati bene, in genere dopo una settimana, sbriciolavale foglie e le conservava in un recipiente di vetro (a chiusura ermetica) per poi riporle in un luogo fresco al riparo dall’umidità.

Se però dopo qualche giorno vedeva comparire della condensa sulle pareti del barattolo significava che l’erba andava essiccata ancora…un pò.

Oggi possiamo farlo benissimo anche noi…e se le piante di erbe aromatiche sono quelle che crescono sul nostro orto in balcone il risparmio è davvero assicurato!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>