Risparmiare preparando il pane in casa

di pierfrancesco99 2

E’ universalmente riconosciuto che preparare il pane in casa conviene al nostro portafoglio, è un operazione non molto difficile e che se sappiamo superare i primi ostacoli e fare un po d’esperienza, ci può regalare molte soddisfazioni. Si possono fare innumerevoli tipi di pane anche in casa, dal pane con la farina di frumento a quello integrale a quello al sesamo. Comunque ci sono alcune regole da saper rispettare: la farina di frumento deve costituire metà in peso dei componenti del pane, ad essa si può aggiungere qualsiasi tipologia di farina.
Si possono aggiungere (in proporzione del 10%) anche cereali in seme, come farro, avena, segale, grano saraceno. È possibile anche aggiungere all’impasto, in piccole quantità, cipolle (ottime quelle in pezzettini liofilizzate) e/o porri, melanzane tagliate, olive snocciolate, pezzetti di peperone semi piccante: (sono pani “conditi”, per usi particolari: antipasti, merende, ecc.). Le farine se possibile devono provenire da agricoltura biologica ed essere macinate non troppo tempo prima.


Vi consiglio la lievitazione a pasta acida che consiste nell’impastare 150 grammi di farina integrale, con mezza tazza di acqua, un cucchiaino di miele non pastorizzato, un cucchiaino di olio di girasole. l’impasto che ne uscirà fuori deve essere morbido, mescolabile con un cucchiaio ma non liquido. Dopo di che collocate l’impasto in un recipiente coprendolo, e lasciatelo riposare a circa 20 gradi rimpastandolo un paio di volte al giorno, avendo cura, prima di fare ciò, di aggiungere una spolverata di farina. Ovviamente questo è un pane elaborato, ma ugualmente economico
Comunque vi rimando a questo articolo del blog Ginger & Tomato per tutta la preparazione del pane. Considerate che qualsiasi dolce, pane, torta e quant’altro prepariamo noi in casa, comporta un risparmio rispetto a quanto spenderemmo se al contrario risparmiando tempo senza dubbio andassimo ad acquistare lo stesso prodotto al supermercato. Ed ora a voi cari lettori, quali sono i vostri segreti per preparare un ottimo pane?

Commenti (2)

  1. Io gli metto un po’ do merda nell’impasto.

  2. Il consiglio di Kabal è molto utile, però vorrei aggiungere che è necessario che la merda non sia troppo secca, nè troppo fresca e umida. Assaggiatela prima di aggiungerla all’impasto, vedrete che languorino… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>