Fumo, vizio costoso: al via la campagna Con le sigarette è meglio smettere

di Malvi Commenta

Quanto costa fumare! Ma il problema del fumo è anche e soprattutto legato alla salute. Una nuova campagna in tutte le scuole, mirata a scoraggiare gli studenti a prendere il vizio del fumo. Con le sigarette è meglio smettere, questo il titolo della campagna che vede come testimonial la tennista Flavia Pennetta e l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri.

omeopatia per smettere fumo

Due sportivi dunque che, proprio in virtù di una vita all’insegna delle buone abitudini, non fumano. Quello della sigaretta è un vizio ancora molto diffuso, soprattutto tra i giovanissimi. Molti sono coloro che già alle scuole medie cominciano a fumare e il numero è in continuo aumento. Il 90% dei tumori al polmone è causato dal fumo di sigaretta, responsabile di 100 mila decessi l’anno.

SIGARETTE A BASSO COSTO? SMETTERE DI FUMARE: UN SOLLIEVO PER IL CORPO E IL PORTAFOGLI 

Il cancro ai polmoni è molto frequente: negli uomini è seconda (15%) solo dopo quello alla prostata (20%) mentre nelle donne è terza (6%), dopo quello alla mammella (29%) e al colon-retto (13%). Ma, negli uomini, è anche la forma tumorale responsabile della maggior percentuale di decessi da cancro (26%), in tutte le fasce di età. Insomma il fumo è assolutamente da condannare e proprio nel tentativo di dissuadere i giovani a cominciare con il vizio della sigaretta, ecco che in tutte le scuole prenderà il via la nuova campagna caldeggiata da Aiom, Associazione Italiana di Oncologia Medica.

 VIZIO DEL FUMO? ECCO COME RISPARMIARE SULLE SIGARETTE

Senza contare che quello della sigaretta è un lusso che in pochi si possono permettere. Basti pensare che un pacchetto di sigarette arriva a superare i cinque euro. Non sarebbe meglio spendere quei soldi in qualcos’altro?

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>