Ricette economiche: mele al forno per merenda

di Redazione 3

Una mela al giorno toglie il medico di torno“. Chissà i vostri nonni quante volte vi avranno accennato a questa frase quando i vostri genitori, impegnati dal lavoro, vi avevano lasciato dai dolci cari nonni e questi, per merenda, al posto di darvi quelle gustose quanto terribili merendine industriali, vi porgevano sorridenti una vermilia mela.

Oggi mangiare la frutta a merenda è un’abitudine quasi andata persa, abbiamo tutti fretta e si prende appunto una merendina al volo, un caffè, dei biscotti o dei tarallucci. Questo nel migliore dei casi, perchè c’è chi la merenda non riesce proprio a farla e “tira” fino alla cena, alla quale arriverà più affamato di un leone con ovvie nefaste conseguenze sulla linea.

Avete sentito che è meglio mangiare la frutta lontano dai pasti? Ciò nonostante i più si ostinano a chiudere pranzo e cena con questi meravigliosi doni della natura, ignorando i benefici che si possono avere degustando queste prelibatezza durante il pomeriggio o la mattina.

Le mele sono una buona fonte di fibre, solubili e insolubili. La pectina contenuta è in grado di abbassare il colesterolo assunto con gli alimenti eliminandolo per via fecale. L’indice di sazietà non molto elevato non la rende la scelta migliore per uno spuntino, è sempre meglio associarla ad altri alimenti proteici o grassi, ecco perchè oggi vi proponiamo una ricetta che associa la mela allo zucchero ed eventualmente alla cannella. Sito sempre attento alla salute, non dimentichiamo mai la primaria attenzione al portafoglio, difatti la ricetta di oggi si compone di 3 o eventualmente quattro economici ingredienti:

Mele al forno

* 4 mele golden
* Cannella in polvere
* Zucchero di canna
* Burro

Lavare le mele con la buccia ed eliminare il torsolo con l’apposito attrezzo. Disporle in una teglia leggermente imburrata, mettere nell’incavo delle mele una noce di burro, cospargerle con lo zucchero e la cannella. Infornare a 180 gradi per 15 minuti e servirle tiepide.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>