Finlandia, vacanze gratis per imparare l’arte della felicità

di Fabiana Commenta

 

Vacanze gratis in Finlandia per imparare l’arte della felicità: è quanto promette la Finlandia attraverso il suo innovativo programma a Visit Finland che offre la possibilità di potersi ricaricare allontanandosi almeno per un po’ dai ritmi frenetici della giornata lavorativa e della quotidianità.

Eletta “il paese più felice del mondo”, un primato che ottime per la seconda volta, la Finlandia si propone come la perfetta per allontanare lo stress, per immergersi nella natura per ritrovare la propria felicità e per impararla di nuovo. E per ritrovare la felicità verrete appositamente guidati dai maestri della felicità, i finlandesi stessi. Ma come funziona la vacanza gratuita? In sostanza, aderendo al programma Visit Finland ha avviato una collaborazione con alcuni abitanti dei luoghi e ha messo in piedi il concorso online Rent a Finn (affitta un finlandese). Si tratta di un concorso a cui tutti potranno partecipare: i fortunati vincitori viene assegnata una vacanza completamente pagata in cui verrete ospitati  dal vostro finlandese che vi svelerà i segreti di questa terra pacifica.

Per il secondo anno consecutivo, la Finlandia è risultata il Paese più felice al mondo (The World Happiness Report 2018, 2019). Qual è nostro segreto? La nostra natura, letteralmente. Quando gli altri vanno in terapia, i finlandesi indossano un paio di stivali e si addentrano nel bosco. Il programma Rent a Finn è la tua occasione per ritrovare la calma, imparando dai più felici al mondo.

Scrive sul sito Visit Finland. Per il momento bandi estivi sono chiusi, ma presto saranno riaperti ed è possibile poter partecipare anche attraverso l’hashtag. Se invece volete intanto conoscere la otto guide ufficiali di Rent a finn, non dovrete fare altro che visitare il sito. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>