Risparmiare sulle bollette, dal 1° luglio arriva la tariffa energetica D1

di Redazione Commenta

Per risparmiare sulle bollette arriva, a partire dal primo luglio 2014, la nuova tariffa energetica D1 dedicata a coloro che utilizzano impianti a pompa di calore come fonte di riscaldamento. La tariffa D1 permette di risparmiare poiché risulta estranea al sistema tariffario a fasce in base all’energia che viene consumata.

Tra gli interventi per i quali è stato possibile nel corso del 2013 e sarà possibile anche nel corso del 2014 godere delle forti detrazioni fiscali per il risparmio energetico, abbiamo l’installazione di impianti a pompe di calore per il riscaldamento. Per i cittadini che ora possiedono uno di questi impianti sta per arrivare una tariffa, la D1, che va valutata con la massima attenzione, poiché dovrebbe permettere di risparmiare non poco sulla bolletta.

Le pompe di calore sono un sistema di riscaldamento ad alta efficienza energetica che ha fatico finora ad affermarsi anche per via di costi elevati in bolletta correlati all’attuale metodi di calcolo tariffario italiano. La nuova tariffa D1 sarà lineare e non correlata ai consumi, il che comporterà un grande vantaggio per coloro che possiedono pompe di colore. Il presidente di Co.Aer Alessandro Riello ha commentato con grande soddisfazione la nascita di questa nuova tariffa, in grado di

rimuovere quegli ostacoli derivanti dall’attuale sistema tariffario elettrico a scaglioni di consumo con prezzi crescenti, che rende elevati i costi variabili delle pompe di calore e impedisce la diffusione di questa elettrotecnologia energeticamente efficiente.

La nuova tariffa andrà a incidere sui costi per i servizi di rete che per un utente medio rappresentano circa il 35% dei costi in bolletta (ma che possono arrivare a costituire quasi la metà delle spese in bolletta). Una soluzione senz’altro da valutare, quindi, per gli italiani in possesso (o che pensano di installare in futuro) uno degli efficienti impianti a pompa di calore.

Photo credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>