Detrazioni Irpef 19% sui premi delle assicurazioni, ecco come funzionano

di Matteo Carriero 2

Anche nel 2014 sono possibili un gran numero di detrazioni fiscali Irpef al 19%, tra queste è da ricordare la possibilità di detrazione per i premi delle assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, o anche per morte o invalidità permanente. Tali detrazioni possono essere inserite nella dichiarazione dei redditi, nel 730 o nel modello Unico 2014.

detrazioni irpef 19 assicurazioniRicordiamo che tra le detrazioni Irpef al 19% di cui beneficiare nel 2014 abbiamo quelle relative ai premi assicurativi, che possono essere scaricati consentendo quindi un risparmio non da sottovalutare sul pagamento delle tasse dovute dal contribuente. Per quanto riguarda le detrazioni Irpef sulle assicurazioni, abbiamo un tetto massimo per le agevolazioni pari a 630 euro, molto lontano dai 1.291 euro e 14 centesimi possibili negli anni trascorsi. Il tetto massimo di 630 euro è da intendersi per il periodo di imposta del 2013, mentre per il periodo di imposta del 2014 tale soglia sarà ulteriormente abbassata, fino all’importo di 530 euro (in principio si era parlato addirittura di soglia ai 230 euro, poi modificata).

Attenzione poiché per poter beneficiare di tali detrazioni fiscali occorre che l’assicurato sia anche colui che redige la dichiarazione dei redditi, seppure siano possibili detrazioni Irpef al 19 per cento anche per i familiari a carico, purché nella stipula del contratto figuri come persona assicurata tale familiare (o familiari), a carico del contribuente.

Come anticipato per le detrazioni Irpef al 19% sui premi delle polizze assicurative possono essere indicate tanto nel modello 730 2014 tanto nel modello Unico 2014, per la dichiarazione dei redditi. La sezione di interesse per i contribuenti è il quadro RE per il modello 730 e il quadro RP per quanto riguarda il modello Unico 2014.

Ricordiamo infine che, almeno per il momento, appare scongiurato il taglio dal 19 al 18% per tali detrazioni e quelle relative, tra l’altro, a spese mediche e libri scolastici (con il cosiddetto nuovo bonus librai).

Photo credits | Images Money su Flickr

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>