Zopa.it: 809 i prestiti in Italia

di Redazione Commenta

Un po’ di tempo addietro vi abbiamo parlato del social lending di Zopa.it, il servizio grazie al quale si possono ottenere dei prestiti davvero vantaggiosi a tassi relativamente più bassi rispetto a quelli proposti dalle banche. Il servizio in Italia ha vantato in un anno di ben 809 prestiti per un valore complessivo in euro pari a 4.279.700. Segno che il servizio funziona e che ha soddisfatto molti. Per chi non lo conoscesse ancora sottolineamo il funzionamento del meccanismo, spiegato direttamente dagli amministratori di Zopa.

  • Controlliamo il profilo di credito di chi cerca un prestito e gli assegniamo una classe: A+, A, B o C. Se non rientra in una di queste, non può partecipare a Zopa.
  • I Prestatori fanno le loro offerte: “Vorrei prestare X euro a Richiedenti di classe A per questa durata e questo tasso”.
  • Il Richiedente valuta i tassi offerti e se lo attirano chiede il prestito. Se non gradisce i tassi di oggi, può ritornare domani per vedere se ci sono nuove offerte
  • Per ridurre i rischi, i Prestatori Zopa prestano solo piccole porzioni ad un singolo Richiedente. Un Prestatore che offre 500 € o più ha il prestito frazionato su almeno 50 Richiedenti. Zopa partecipa a tutti i prestiti con una quota di 10 €.
  • I Richiedenti si riconoscono contrattualmente debitori dei Prestatori e di Zopa.
  • I Richiedenti ripagano le rate mensili via bonifico automatico (RID). Se una rata non viene pagata, una società recupero crediti si aziona con gli stessi meccanismi usati normalmente dalle banche.
  • Zopa guadagna chiedendo ai Richiedenti una commissione sulla transazione (+ una piccola quota fissa) ed ai Prestatori una commissione annuale di servizio.
  • E, a parte banche e finanziarie, sono tutti contenti – i Prestatori ottengono ottimi rendimenti, i Richiedenti ottimi tassi.

I dati parlano chiaro: il tasso medio applicato l’anno scorso è stato del 9,6%, molto inferiore rispetto al 15% offerto da molte finanziarie per prestiti inferiori ai 5000 euro, per non parlare poi delle banche. Se siete interessati al servizio visitate il sito internet in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>