Risparmi? No, nel 2009 ogni famiglia spenderà 605 euro in più

di Redazione 2

Il titolo riporta semplicemente l’attesa stimata da Codacons: quest’anno ogni famiglia italiana spenderà in media 605 euro in più rispetto al 2008. Si parla di crisi e gli italiani sono diventati più spendaccioni? Assolutamente no, la colpa è dei rincari. Secondo l’associazione dei consumatori, a guidare la classifica della maggiorazione dei prezzi saranno gli alimentari e l’abitazione, mentre sono in frenata i costi per i trasporti.

A cosa é imputato precisamente questo aumento? Alimentari e bevande (299 euro in più); abitazione (150 euro); Altri beni e servizi (44 euro); mobili e articoli per la casa (34 euro); banche (28 euro); ricreazione, istruzione, ristorazione (23 euro); abbigliamento e calzature (19 euro); canone Telecom (18,14); Rcauto (18 euro); trasporti (12 euro); salute (11 euro); canone Rai (1 euro e mezzo).

Una domanda viene spontanea: ma dato che siamo in situazione di crisi, e di crisi si sente parlare ogni giorno, come è possibile che i prezzi aumentino? Non dovrebbe essere il contrario? Calano in realtà i prezzi di altri beni: abbigliamento e calzature, mobili e articoli per la casa. I trasporti? Anche qui il rincaro non è forte, grazie alla caduta del prezzo del petrolio e del conseguente abbassamento della spesa per benzina che compensa tutti gli aumenti delle altre voci inserite nei trasporti (pneumatici, ricambi, parcheggi, taxi, treni, autostrade ….).

Codacons aggiunge in una nota:

Ecco la stangata che si profila per gli italiani nel 2009, elaborata dal Codacons: ogni famiglia spendera’ in media 605 euro in piu’ rispetto a quanto speso nel 2008. Una scoppola inferiore a quella degli scorsi anni. Dunque nel complesso i 605,64 euro in più sono una somma più bassa rispetto a quella degli scorsi anni, ammette l’associazione di consumatori, ma aggiunta a quelle che si sono succedute ininterrottamente dal 2002 ad oggi, finisce per essere la classica goccia che fa traboccare il vaso e che rischia di mandare definitivamente sul lastrico le famiglie italiane.

Commenti (2)

  1. Deciditi: la ristorazione aumenta o cala?
    E perché dei trasporti scrivi ‘Anche qui il rincaro non è forte’ se fino a quel momento hai parlato solo dei cali?

    Non è molto chiaro questo articolo.

  2. La ristorazione aumenta, abbiamo provveduto a modificare l’articolo. grazie per la preziosa precisazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>