Grazie alla Nasa l’open source si diffonde sempre di più: ora anche nello spazio

di Marcin Szyszko Commenta

Se pensavate che l’open source fosse utilizzato esclusivamente da utenti privati, per risparmiare soldi su quelle applicazioni pc più costose, avete sbagliato in pieno! Ora persino la Nasa si è convertita all’open, e lo ha fatto con la creazione di PRACA (Problem Reporting Analysis and Corrective Action), un software che permetterà, ai tecnici della società, di segnalare ed analizzare i problemi di funzionamento dello Shuttle, e che si baserà sul codice del conosciuto BugZilla. Come mai l’agenzia spaziale più famosa del mondo ha optato per questa scelta? La risposta dovrebbe essere ovvia. Diffatti utilizzando questo bug-tracker a sorgente aperto, la Nasa ha speso solamente 100.000 dollari a differenza del milione stimato in precedenza. Ma non è questo l’unico motivo.

Molti credono che le applicazioni open source non abbiano la stessa efficienza e lo stesso rendimento delle applicazioni a pagamento che sostituiscono. Questo non è assolutamente vero e difatti lo dimostra esplicitamente il caso Nasa. I tecnici dei sistemi di tracking hanno affermato che, utilizzando BugZilla, si sono ridotti drasticamente i costi di sviluppo e i tempi di manutenzione. L’intervento sul codice ora è molto più rapido e veloce. Mentre prima bisognava rendere note le modifiche al proprietario del programma, ed attendere molti giorni prima che egli le implementasse, ora si può agire direttamente senza restrinzioni ed in tempo reale.

Ma cos’è più nello specifico BugZilla? Per chi non lo sapesse è un sistema per la segnalazione, raccolta e traccia dei bug. Inizialmente sviluppato e utilizzato dal team Mozilla e rilasciato, dal 1998, come software open source da Netscape Communications.

Oltre ad essere utilizzato per il progetto PRACA sarà determinante nella creazione di Ifi (Items for Investigations), un software il cui compito darà quello di segnalare e registrare i bug precedentemente localizzati ed identificati. Però, a differenza della prima, questa applicazione è ancora in fase di sviluppo e molto probabilmente sarà completata entro la fine di marzo 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>