Farmacie sociali, come ricevere medicine gratis

di Fabiana Commenta

Sembra essere in dirittura d’arrivo il progetto delle farmacie sociali che distribuiranno farmaci gratis e chi si trova in una situazione economica disagiata e non può permettersi di pagare le medicine e acquistare i farmaci necessari per curarsi.

La salute non può essere un lusso: è proprio questo il punto di partenza e l’obiettivo delle farmacie sociali che si inaugureranno a Palermo tra pochi giorni, a marzo. 

Ma come funzionano le farmacie sociali? In sostanza saranno distribuiti farmaci gratuitamente per tutti i clienti che presenteranno un Isee basso. I farmaci disponibili sono quelli messi a disposizione  disposizione grazie alle donazioni del Banco farmaceutico nella Giornata di raccolta del farmaco che si è tenuta un paio di settimane fa in tutta Italia nella farmacie aderenti all’iniziativa. Oltre ai farmaci raccolte grazie alla solidarietà dei cittadini, ci saranno anche farmaci derivanti dal surplus della della produzione dell’industria farmaceutica. Le farmacie saranno tenute aperte in base alla disponibilità di turni di farmacisti volontari e professionisti di altro genere pronti a impegnarsi per un’iniziativa del genere.

GIORNATA DELLA RACCOLTA DEL FARMACO

E dopo Palermo, le farmacie sociali potrebbero approdare anche ad Avellino prima di diffondersi in tutta Italia con costo zero a carico del comune e grazie all’impegno di volontariato dei cittadini. In attesa dell’apertura si stima che saranno circa 500 le famiglie che potranno richiedere farmaci gratis nella farmacia sociale: non si tratta solo di famiglie più indigenti, ma anche di nuclei famigliari che hanno rinunciato alle cure o rimandato l’acquisto di farmaci costosi per poter risparmiare. A costo della propria salute.

 

photo credits | thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>