Che fine faranno i nostri risparmi a causa della crisi? I fondi pensione sono a rischio?

di Redazione 1

A causa della crisi finanziaria il panico sta prendendo piede in Europa. Tale paura è giustificata? Realmente potremmo vedere i nostri risparmi andare in fumo? Non c’è nulla di cui preoccuparsi, almeno per i risparmiatori privati.

In Europa esiste un meccanismo di protezione dei conti correnti: il fondo interbancario di tutela dei depositi, vigilato dalla Banca d’Italia. Come tutela? I clienti privati italiani sono quelli più al sicuro, perchè hanno diritto al rimborso del denaro depositato fino a circa 103 mila euro (il doppio se il conto è cointestato).

Le Borse sembrano impazzite, dove è possibile parcheggiare a breve termine la liquidità in attesa che passi la tempesta?

Gli strumenti più sicuri rimangono indubbiamente i titoli di Stato (Bot e Btp, o titoli di Stato europei). Ma anche i conti di deposito online (garantiti dal fondo interbancario per i conti correnti). Si tratta di strumenti che permettono un impegno che va da tre mesi a un anno a tassi che oscillano tra il 3% e il 3,5% l’anno. L’unica nota a sfavore è che comunque l’inflazione potrebbere crescere più del rendimento di questi prodotti ma i titoli del Tesoro e conti di liquidità rimangono gli strumenti più garantiti, almeno nel breve periodo.

E i fondi pensione? Saranno danneggiati?

Le ultime verifiche sui fondi pensione italiani ci fanno stare sostanzialmente tranquilli.

Afferma il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. Possiamo asserire a tale affermazione perchè anche nel caso dei comparti più aggressivi (con maggiore esposizione all’azionario) si può parlare di rendimenti lievemente negativi nel breve periodo. Questo perchè I Fondi pensione investono in azioni solo una piccola parte dei loro capitali (da quote minime al 30% massimo). Inoltre, questi investimenti sono molto diversificati per ridurre il rischio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>