Lavoratori a progetto? Precari? Anche voi potete ottenere un prestito: Mutuo Giovane di Banca di Roma

di Redazione 9

La prima domanda che pone una banca prima di erogare un prestito è la solita: “Che tipo di contratto hai? Tempo indeterminato? Determinato? Progetto? Co.co.co.?” La maggior parte dei giovani precari, preferisce evitare di chiedere un prestito, certa che comunque la risposta sarà negativa a causa del proprio contratto lavorativo solo temporaneo.

Tuttavia vi sono banche che si sono adeguate alle esigenze dei giovani precari ed hanno messo sul mercato dei prodotti studiati anche per questa categoria di lavoratori. Un esempio è il Mutuo Giovane promosso dalla Banca di Roma ed indirizzato ai giovani con contratti atipici. Si tratta di uno dei primi esempi in Italia di finanziamento per comprare casa, aperto anche ai lavoratori atipici tra i 18 e i 35 anni. I requisiti? Non avere più di 35 anni d’età, avere un contratto a termine ed aver lavorato per almeno 30 mesi negli ultimi 3 anni. Sono esclusi tutti coloro che hanno dei contratti per prestazioni occasionali, in tali casi la rata non deve superare il 35% del reddito maturato ed il prestito non può essere concesso a più di due richiedenti che vivono sotto lo stesso nucleo familiare. Ecco le caratteristiche tecniche del mutuo:

Importo Finanziabile 80% del VALORE DELL’IMMOBILE con un massimo di 150.000€
Durata Da 10 a 30 anni
Tipo di tasso fisso – I.R.S.
Garanzia ipoteca
Spese di Istruttoria Gratis
Penale di estinzione anticipata Da 1.50% a 3.50% del capitale anticipatamente restituito, in funzione della vita residua del mutuo.
Spese di perizia 180,76 euro (iva inclusa) in caso di procedura ordinaria; 240,00 euro (iva inclusa) in caso di procedura d’urgenza.
Ente Finanziatore Banca di Roma

Commenti (9)

  1. sono un precario ho chiesto un mutuo alla fineco con firma di garanzia di garanzia di mio padre per comprare casa.inserendo nella documentazzione anche il certificato storico di servizio rilasciato dall azienda dove lavoro da ben 8 anni dicono che non e possibile ottenere il mutuo perche in questo momento ho cessato il mio rapporto di lavoro.se invece non era ancora cessato potevo ottenere il mutuo .che cambia se sanno che sono un lavoratore atipico quindi o prima della richiesta o durante o dopo il mio lavoro finicse.hai una soluzione alla mia domanda?

  2. Anche se i lavoratori a progetto hanno ora più possibilità di ottenere un mutuo, grazie alle proposte di varie banche il requisito fondamentale rimane comunque che alla data di richesta del mutuo si lavori. Hai purtroppo avuto la sfortuna di interrompere il tuo rapporto di lavoro proprio durante la fase decisionale della banca, per cui venendo a cadere il requisito imprescindibile non hai potuto ottenere il prestito. Diverso sarebbe stato se il tuo rapporto lavorativo si fosse interrotto successivamente all’erogazione del mutuo, in quel caso ci sarebbero stati problemi se tu non avessi pagato le rate ed in caso di tua insolvenza tuo padre.
    In bocca al lupo!

  3. salve,sono stato ieri alla fineco e sono uscito con una risposta che me gia sapevo ed un altra deludente;la prima e che il mutuo bisogna richiederlo durante il periodo lavorativo,quindi attendere la nuova assunzione che sara a gennaio e fin qui ci siamo la seconda che la banca ha aumentato lo sprid minimo in due mesi dello 0,45.cioe siamo passati da un minimo di 1 ad uno di 1,45 e possibile che voglia recuperare i soldi persi in questo modo il mio promotore e rimasto delusoanche lui; e non solo i mutui a tasso fisso non verrano stipulati piu al 100% ma all80%e poi bisogna aggiungere assicurazione obbligatori sulla vita.invece il mutuo per la ristruturazione sara solo variabile.per ora sto fermo ed attendo fino all assunzione poi provero per il mutuo sicuramente con un altra banca se le loro condizzioni fossero cosi .anche se a me dispiace perche sono loro cliente da un bel po di anni.attualmente ce una banca che fa per le mie esigenze di lavoratore precario?che non inpoga forse senza diritto al recupero dei soldi persi nella borsa su persone della mia fascia lavorativa!

  4. ferdinando pirro wrote:

    salve,sono stato ieri alla fineco e sono uscito con una risposta che me gia sapevo ed un altra deludente;la prima e che il mutuo bisogna richiederlo durante il periodo lavorativo,quindi attendere la nuova assunzione che sara a gennaio e fin qui ci siamo la seconda che la banca ha aumentato lo sprid minimo in due mesi dello 0,45.cioe siamo passati da un minimo di 1 ad uno di 1,45 e possibile che voglia recuperare i soldi persi in questo modo il mio promotore e rimasto delusoanche lui; e non solo i mutui a tasso fisso non verrano stipulati piu al 100% ma all80%e poi bisogna aggiungere assicurazione obbligatori sulla vita.invece il mutuo per la ristruturazione sara solo variabile.per ora sto fermo ed attendo fino all assunzione poi provero per il mutuo sicuramente con un altra banca se le loro condizzioni fossero cosi .anche se a me dispiace perche sono loro cliente da un bel po di anni.attualmente ce una banca che fa per le mie esigenze di lavoratore precario?che non inpoga forse senza diritto al recupero dei soldi persi nella borsa su persone della mia fascia lavorativa!

  5. Salve a tutti, io a breve mi sposo ed è da 3 anni che mi informo per acquistare casa; finalmente riesco a trovare la casa dei miei sogni a costo giusto (a buon prezzo), e cosa mi succede?! il mio ragazzo viene licenziato dopo 4 anni di lavoro indeterminato e 12 anni di contributi lavorativi. Ora come posso fare per richiedere un mutuo?

  6. @ giulia:
    lo sto già facendo! speravo di ricevere consiglio migliore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>