Sconti sulla benzina: risparmio di 350 euro all’anno

di Redazione Commenta

Quanti soldi si potrebbero risparmiare se la promozione del week end durasse per tutto l’anno? Probabilmente ve lo sarete chiesto anche voi durante le interminabili code che, ad ogni fine settimana, precedono il pieno di carburante della vostra automobile. Ebbene, secondo Adusbef e Federconsumatori, il risparmio annuale ottenuto grazie alla promozione potrebbe farci guadagnare ben 351 euro.

Come precisano Adusbef e Federconsumatori:

L’aumento dei carburanti è del tutto ingiustificato: i prezzi potrebbero e dovrebbero scendere di almeno 15-16 centesimi al litro, e non certamente aumentare di 2-3 centesimi durante la settimana, annullando i benefici degli sconti applicati nei weekend. Se i prezzi scendessero ai livelli adeguati il risparmio per i cittadini sarebbe di 8 euro per ogni pieno, pari a 192 euro in termini annui. Per questo è urgente che Governo ed operatori del settore si decidano ad attuare tutte le misure necessarie per rendere strutturali, permanenti ed universali gli sconti sui prezzi dei carburanti.

Nonostante i prezzi convenienti offerti dalle compagnie petrolifere, sembra che il futuro del caro benzina sia meno florido di quanto si possa immaginare: secondo gli ultimi dati rilevati, le compagnie petrolifere di Eni, Esso, Q8, Shell e Tamoil avrebbero presentato un conto ancora più salato ai cittadini, una scelta dolorosa che è parsa però in linea con l’andamento dei prezzi internazionali, un trend che, però, ha scongiurato il pericolo del rialzo dovuto ai ribassi della promozione.

Per la compagnia Eni, nel mese di luglio la benzina avrebbe registrato un +0,4 centesimi a 1,847 euro/litro e il diesel avrebbe invece registrato un +1,1, raggiungendo 1,742 euro/litro. Le compagnie petrolifere Esso e Q8 avrebbero registrato sulla benzina un +0,5, mentre un aumento di 1,1 centesimi sarebbero stati applicati da Shell e Tamoil. Rialzi più importanti sulla verde con un +0,5 applicato da Esso e +2 centesimi applicato da Shell sul gasolio.

Non resta che riempire i serbatoi nel week end e limitare i pieni durante la settimana: anche questa potrebbe essere, in fondo, una forma di protesta!

Photo Credits | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>