Conti deposito online: poche spese e interessi più vantaggiosi

di Redazione 11

Quella dei servizi bancari è una giungla in cui è difficile trovare il prodotto che davvero fa per noi. Il numero di banche è davvero ragguardevole e i prodotti offerti necessitano sempre di uno studio accurato delle condizioni per capire dov’è che stanno i reali costi. Dopo aver visto i libretti di risparmio passiamo ai conti deposito. Qui le alternative sono davvero molte, sia di banche tradizionali che di banche online, quindi è d’obbligo concentrarsi solo su alcune offerte tenendo presente che in media le banche riconoscono interessi dello 0,8% (fonte Abi). Prima di partire è però utile sottolineare il regime fiscale cui sono sottoposti i conti deposito: sugli interessi che provengono dai conti deposito/conti correnti il cliente paga il 27% in tasse; se invece tali interessi derivassero da investimenti le tasse scenderebbero al 12,5%. Alcune banche quindi utilizzano il denaro depositato e bloccato per qualche mese per comprare obbligazioni senza rischi in modo da ricadere sotto un regime fiscale più vantaggioso per il cliente.
IWBank: il “Conto IW” è concorrenziale dal punto di vista dei costi, c’è da pagare il bollo, ma quella è l’unica spesa fissa. Interessante è la possibilità di attivare IWPower, soluzione pensata apposta per i risparmi che prevede, senza costi aggiuntivi, interessi netti annui del 3,15%. Impegnando i soldi per sei mesi è inoltre possibile arrivare al 4,25% netto annuo.

Banca Ifis :la proposta di Banca Ifis per i conti deposito si chiama “Rendimax”. Non ci sono costi di attivazione e il tasso offerto è il 4,75% lordo che corrisponde al 3,53% netto annuo. Di Rendimax abbiamo già parlato in questo articolo (tra l’altro un grazie a simlev per la correzione).

Conto Arancio: probabilmente il più pubblicizzato tra i conti presenti in questo articolo. Senza costi di attivazione e gestione, promette il 4,75% lordo per un anno (3,5% netto), ma dopo 12 mesi scende al 3% lordo (poco più del 2% netto).

CheBanca!: ultima arrivata tra le banche retail italiane, appartiene al gruppo Mediobanca. Il conto deposito è senza costi, e garantisce il 4% lordo che può salire al 4,7%  lordo (intorno al 3,4% netto) nel caso si depositino i soldi per 12 mesi. Un difetto di CheBanca! potrebbe essere la scarsa presenza sul territorio, ci sono infatti filiali solo nelle grandi città.

Unicredit: in questo caso il consiglio è quello di aprire il conto “Genius One”. E’ un conto corrente online che costa 1€ al mese e dovrebbe essere abbinato al servizio “moneybox self service”: fermate i soldi per periodi fino ai 3 mesi ricevendo ritorni netti annui tra il 3,5% e il 4%.

Barclays: questa banca (la seconda banca inglese) ha iniziato a pubblicizzare in questi giorni il conto 5%. Il consiglio è quello di fare attenzione in quanto il 5% lordo sarà fino a fine 2008 e poi scenderà adeguandosi all’euribor ad 1 mese tolto il 2% (ora sarebbe al 2,5% lordo).

Commenti (11)

  1. Per Barclays il tasso e’ del 5% NETTO, non lordo.
    (e i soldi sono vincolati per 12 mesi).

  2. io mi riferivo al “conto 5%”, non al pronti contro termine. In più c’è da considerare che per il pronti contro termine la cifra minima per ottenere il 5% netto è 50’000€, non sono pochi.

  3. iwbank ha aggiornato il tasso netto per iwpower da 4.25% a 3.75% netto seguendo la riduzione della bce dello 0.50
    perche la barcalys non aggiorna il suo 5% netto? forse loro non fanno parte dell’europa o sono molto bravi o sono furbi?

  4. se lei si riferisce al pronti contro termine di cui parlava anche Danilo deve essere sottolineato che comunque a Barclays conviene comunque dare il 5% netto. Lei in pratica presta a Barclays 50’000 euro per un anno e se andiamo a vedere i tassi a cui le banche adesso si finanziano su quelle scadenze vediamo che sono ben superiori al 5%. Nel caso di IW Bank invece il denaro che lei deposita non viene impegnato per un anno, quindi punto di riferimento sono i tassi overnight (quelli in pratica indicati dalla BCE). Spero di essere stato utile.

  5. Segnalo Depositoonline di Banca MPS.
    L’ho visto nella classifica dei conti correnti più remunerativi su Osservatorio Finanziario, ceh la metteva al primo posto. Ed effettivamente mi ha abbastanza colpito: il tasso è remunerato al 4,6 % lordo (Euribor 3 mesi, oltre al 2,40 % fino a 125.000 euro) e il conto di deposito gratuito può essere agganciato al conto corrente completo Contoonline.
    ne ho parlato nel mio blog: http://assicurazioniebanche.blogspot.com/2009/06/depositoonline-di-banca-mps-davvero.html

  6. è verissimo non è facile districarsi nella miriade di offerte vere o presunte che ci sono su internet, io prima di aprirlo mi sono informato tantissimo, grazie io vi consiglio quello di fineco

  7. conto deposito wrote:

    è verissimo non è facile districarsi nella miriade di offerte vere o presunte che ci sono su internet, io prima di aprirlo mi sono informato tantissimo, grazie io vi consiglio quello di fineco

  8. si può investire una forte somma sù unicredit
    mica si perdono i soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>