Pasqua e Pasquetta, i consigli del Codacons per i consumatori

di Fabiana Commenta

È arrivata Pasquetta, ma è anche vero che nella giornata di oggi saranno molti i negozi e gli ipermercati aperti. E i consumatori sembrano essere pronti ancora all’acquisto, magari approfittano di qualche offerta. Ma come difendersi dagli eccessi e fare degli acquisti sicuri?

Arrivano dal Codacons una serie di regole che possono anche essere seguite nei giorni a seguire dopo la Pasqua e la Pasquetta. 

  1. Prodotti civetta: i grandi supermercati offrono a prezzi stracciati prodotti pasquali prima e dopo Pasqua. Si tratta di prodotti “civetta”, distribuiti sottocosto in modo tale che i consumatori siano poi portati ad acquistare anche altri prodotti legati alla ricorrenza. Per evitare di cadere nel tranello allora è meglio procurarsi una lista dettagliata della spesa evitando di cedere a spese non previste.
  2. Dove acquistare: è bene scegliere con cura il negozio in cui fare gli acquisti ricordando che i prodotti più scontati si trovano negli hard discount e negli ipermercati con un risparmio che va dal 30 al 50% rispetto al negozio tradizionale.
  3. Confrontate i prezzi reali: guardate i prezzi al chilo senza lasciarsi attrarre dal prezzo esposto.
  4. 3 X 2: anche se è conveniente, sappiate che dovrete decidere a chi regalarla. Acquistatela solo se vi serve davvero ricordando che si tratta di un prodotto a scadenza.

5) Provate prodotti alternativi rispetto alle marche pubblicizzate e famose: non è detto che non siano di buona qualità

7) Uova o cioccolato? Le uova di cioccolato costano di più rispetto alla classica tavoletta di cioccolato. Valutate.

8) Qualità prima dell’acquisto: imparate a leggere l’etichetta sulla confezione considerando che gli ingredienti segnalati all’inizio sono più abbondanti e tendono a scendere di quantità.

Un cioccolato di qualità dovrebbe contenere: cacao in polvere e burro di cacao (pasta di cacao), zucchero, latte in polvere, aromatizzanti naturali.

La colomba di qualità deve contenere farina, zucchero, uova, burro, canditi. In particolare le uova devono essere di categoria A, il burro che deve essere in quantità non inferiore al 16%, i canditi non devono essere meno del 15% (tra 15 e 20%).

 

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>