Dahlia Tv, dubbi i rimborsi per gli abbonamenti

di Redazione 2

Dahlia Tv ha chiuso i battenti, e ciò sta portando i primi disagi economici agli abbonati, nonché ai lavoratori del canale digitale terrestre di Telecom.  Ad essere a rischio, infatti, sono i soldi degli abbonamenti dei tifosi che avevano comprato anticipatamente il campionato della propria squadra del cuore. Già gli utenti di Fiorentina e Palermo avevano subito una beffa dai call center, perchè nonostante avessero pagato l’abbonamento al campionato, non hanno mai avuto modo di vedere le partite di calcio essendo stati, i diritti, aggiudicati da un’altra tv. Questa situazione ha fatto quindi scattare una marea di richieste di rimborso per qualcosa di cui non si è potuto usufruire.

A chi abbia stipulato un abbonamento rateale, l’Aduc consiglia di sospendere i pagamenti, mentre chi avesse già pagato in anticipo, potrà richiedere un rimborso inviando direttamente a Dahlia un raccomandata con ricevuta di ritorno, anche se non è detto che saranno effettuati i rimborsi. La questione tocca tutti coloro che hanno scelto le offerte relative ad 8 squadre di serie A, per le quali l’unica ad avere i diritti era proprio Dahlia, che mandava in onda anche tutta la serie B. Le squadre della serie A sono Cagliari, Catania, Cesena, Chievo, Lecce, Parma, Sampdoria, Udinese. La chiusura di Dahlia Tv comporterà il passaggio automatico delle 8 squadre a Mediaset, e ciò significa che aumenterà il monopolio di Mediaset Premium.

Venendo a mancare Dahlia, si perde una concorrenza importante per Mediaset,  anche perchè non solo il calcio scomparirà, ma anche sport estremi, vela e contenuti per soli adulti, insomma, un intero palinsesto pensato interamente per l’universo maschile. L’ Adoc, dal canto suo, chiede giustamente che a risentire di una situazione simile non debbano essere gli utenti che in buona fede avevano stipulato abbonamenti e altre forme di pagamento, chiedendo anche che Dahlia si attrezzi sin d’ora al fine di tutelare tutti i suoi abbonati, garantendo la programmazione regolare almeno fino alla fine della stagione sportiva, andando così incontro alle esigenze dei consumatori che hanno investito i loro soldi, e che poi pensi ai giusti rimborsi. Speriamo di potervi aggiornare con qualche buona notizia.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>