Bonus bebè 2016, come fare domanda

di Salvina Commenta

bonus bebè 2015 domanda

Resterà in vigore fino al 31 dicembre 2017, il bonus nuovi nati, meglio noto come bonus bebè, l’agevolazione che permette alle neo-famiglie, ivi inclusi i genitori in affido o adottivi, di ricevere un contributo economico che ammonta ad 80 euro al mese per i nuclei familiari con ISEE sotto i 25.000 euro e sale a 160 euro per quelli con ISEE sotto i 7.000 euro. La domanda può essere presentata dal genitore in possesso dei requisiti, direttamente al sito dell’INPS se possiede il pin o rivolgendosi a un qualsiasi CAF.

Bonus Bebè requisiti necessari

  • Il bonus bebè viene riconosciuto a figli di cittadini italiani, di uno stato UE o di cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno, residenti in Italia, nati o adottati negli anni 2015, 2016 e 2017
  • Il genitore richiedente deve essere convivente con il figlio al momento in cui viene inoltrata la domanda
  • ISEE in corso di validità non superiore ai 25mila euro

Il bonus viene erogato per i primi tre anni di vita del bambino (o tre anni successivi al suo ingresso in famiglia in caso di adozione o affido preadottivo) a partire dal mese di nascita o di ingresso e può essere richiesto per ogni figlio nato nel triennio indicato.

Il diritto al bonus bebè decade in caso di:

  • perdita del requisito legato al reddito;
  • revoca dell’adozione;
  • affidamento esclusivo del figlio al genitore che non ha presentato la domanda (in questo caso il genitore affidatario può percepire il bonus solo se in possesso dei requisiti);
  • decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale del genitore che ha presentato la domanda;
  • affidamento del figlio a terzi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>