Pistoia: scattano i controlli per le pensioni di invalidità

di Redazione Commenta

A Pistoia sono scattati i controlli per le pensioni dell’invalidità. Da quanto riemerge da un’indagine in corso, promossa dall’Inps della zona e resa nota dall’Espresso, sarebbero 1.300 le pensioni a rischio di revoca. Questi i numeri per una località, la domanda da porsi è: quanti in tutto il Paese italiano? Quanti, a discapito di coloro che realmente ne hanno bisogno, percepiscono soldi per cure che non sono loro necessarie? Una risposta: Molti. Molti che non erano affetti da alcuna infermità e molti che, dopo un breve periodo di patologia sofferta, non hanno dichiarato di non aver più bisogno del sostegno. Il controllo di Pistoia è solo l’inizio, perchè sarà, come la ha definita Antonio Piras (Presidente del comitato provinciale Inps):

Un’operazione nazionale che in tutta Italia prevede 200 mila controlli straordinari, per accertare la permanenza delle condizioni sanitarie che hanno dato luogo alla pensione di invalidità.

Le persone da esaminare a Pistoia sono 1363, delle quali solo 112 sono state esaminate. E già per loro il tasso è alto, giungendo ai 10,7 casi non conformi. Chissà a che valori giungerà il risultato finale per tutti i pazienti. Ma ancor di più: che tasso si avrebbe controllando le 200.000 persone in tutt’Italia? Per i propri risultati (ovvero una stima di 700.000 euro risparmiati con l’esclusione dei furbacchioni), Antonio Piras commenta ancora:

Non è un dato certo, deriva semplicemente – ha detto ancora Piras – da un calcolo approssimativo. Se lo Stato, controllando 200 mila persone, prevede di risparmiare un totale di 100 milioni di euro, le 1363 verifiche a Pistoia porterebbero a non spendere una cifra proporzionale.

Cosa è successo con i non conformi?

Nella maggior parte delle situazioni l’invalidità è stata revocata, mentre gli altri sono stati declassati, cioè è stato appurato che non hanno un grado di invalidità grave come quello indicato nei documenti in loro possesso. L’operazine è anche un’occasione per sistemare le situazioni di patologie più gravi, per le quali non saranno più previsti in futuro controlli sulla permanenza dell’invalidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>