La bussola del risparmiatore: come orientarsi nel mondo delle finanze

di Redazione 1

Venerdì 31 ottobre ha avuto inizio la compagna promossa da Cittadinanzattiva: “La bussola del risparmiatore”. Terza edizione proposta durante la Giornata Mondiale del Risparmio, evento annuale che sta acquistando sempre più importanza in Italia. Essa durerà per tutto il mese di novembre e si svolgerà in 25 città. Di cosa si tratta?

L’evento si inserisce nell’azione di promozione e di tutela dei diritti dei consumatori che Cittadinanzattiva porta avanti tramite la sua rete dei Procuratori dei cittadini, da diversi anni – dopo l’intensa attività svolta per facilitare l’entrata dell’Euro – impegnata sul tema dei servizi bancari e finanziari.

A coloro che partecipano sono aperti sportelli d’informazione relativamente agli strumenti finanziari, la valutazione dei principali strumenti di investimento in termini di rischio, dove consulenti e mediatori ai porre domande  sui rischi da evitare). Di particolare rilievo la tematica: come tutelare i propri risparmi.

Oltre a ciò è anche distribuita la “Guida al risparmio consapevole“: più di 60 avvetenze ed utili consigli finalizzate ad aiutare il cittadino ad orientarsi nel vasto mondo dei servizi finanziari e ad indicare come utilizzare e gestire meglio i propri risparmi. Sarà anche dato altro materiale informativo riguardo ai Conti dormienti e all’accordo Abi-Associazione dei consumatori in tema di mutui ed utilizzo di bancomat, carte di credito e revolving.

Giustino Trincia, responsabile delle politiche dei consumatori di Cittadinanzattiva, sottolinea:

L’iniziativa parte dal presupposto che, al fine di evitare il ripetersi di situazioni come quella dei bond spazzatura non basta che le banche migliorino la trasparenza dei prodotti finanziari e rivedano le politiche di vendita, occorre anche che i risparmiatori acquisiscano le conoscenze di base per assumere scelte di investimento consapevoli e responsabili. Non a caso la nostra campagna di educazione è incentrata sul diretto coinvolgimento di cittadini consapevoli del fatto che ad oggi manca in Italia una politica pubblica in tema di educazione finanziaria di base.

Le città dove si svolge la campagna sono: Mantova, Torino, Genova, San Severo, Potenza, Palermo, Gorizia, Spoleto, Castiglione del Lago, Terni, Orvieto, Narni, Jesi, Urbino, Cagliari, Bologna, Catania. Per maggiori informazioni scaricare qui la lista dettagliata (che però è ancora in fase di aggiornamento).

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>