Asti, spesa a prezzi bloccati

di Angela Gennaro Commenta

Ad Asti la spesa costa meno. La Prefettura di Asti, infatti, ha sottoscritto un’intesa con una serie di enti e associazioni (il Comune, la Camera di Commercio, la cassa di Risparmio, le associazioni di categoria dei commercianti, della piccola e media distribuzione locale e dei consumatori e le organizzazioni sindacali) per assicurare che il prezzo dei beni di prima necessità sia sotto controllo – e quindi non subisca aumenti ingiustificati e improvvisi.

Non solo. A questa mossa se ne accompagna un’altra, per la prima volta nella regione Piemonte: si chiama “Il Salvatasche – Fare la spesa non pesa”. Si tratta di 30 prodotti di largo consumo a prezzi bloccati per i prossimi sei mesi. E, dato che sono aumentati anche – nell’ultima parte del 2008 – i costi per la scuola, l’Ufficio Scolastico Provinciale ha chiesto di arricchire la lista dei beni a prezzo bloccato di prodotti di cancelleria.

Pronte le valigie? La città è anche assai graziosa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>