I 10 segreti per ridurre il consumo di benzina

di Redazione 22

Ridurre il consumo della benzina

Vi abbiamo già spiegato come trovare il distributore di benzina con il miglior prezzo, ma oggi vogliamo andare oltre.

Vi siete mai chiesti come mai ci sono persone che fanno rifornimento più frequentemente di altre, a parità di chilometri percorsi e di tipologia di auto? Il consumo di un automobile, purtroppo, non si può limitare a quanto dichiarato dalla casa madre, perchè spesso questi valori sbandierati nei listini fanno riferimento a test svolti nelle migliori condizioni possibili.
Diversa è la situazione dell’automobilista su strada, alle prese con tutta una serie di fattori determinanti per il maggior consumo di carburante della vettura.

Se il prezzo del petrolio continua a salire inesorabilmente, proviamo almeno a limitare i danni seguendo alcuni semplici accorgimenti. Vediamo quali:

  • Stile di guida: accelerare con dolcezza, evitando le partenze a razzo, e quindi procedere con la marcia più alta possibile e a velocità costante. Evitare di cambiare con frequenza, viaggiando in quarta o in quinta marcia anche in città. Adottare uno stile di guida previdente, ricordando che l’uso continuo dei freni dissipa energia. Ove possibile, sfruttare il freno-motore. Questi semplici accorgimenti permettono di risparmiare fino al 10-20 % di carburante.
  • Non accelerate se vedete una coda all’orizzonte, ma lasciate andare la macchina di inerzia in modo da risparmiare benzina e freni. Stesso discorso per le discese: ove possibile, marcia alta senza toccare l’acceleratore oppure freno-motore.
  • Togliere dall’auto oggetti pesanti e inutilizzati: si rammenti che il consumo di carburante sale del 10-15 % con il portapacchi vuoto (rovina l’aerodinamica) e anche del doppio con il portapacchi carico. Inoltre il portabagagli posteriore non deve essere utilizzato come uno sgabuzzino: ogni chilo in meno farà risparmiare molti euro.
  • Tenere aperti i finestrini o il tettuccio apribile nei tratti extra-urbani agisce anche come effetto frenante per l’automobile, spingendo in alto il consumo di carburante. Apriteli soltanto per il tempo necessario al ricambio dell’aria nell’abitacolo.
  • La pressione dei pneumatici incide sui consumi e aumenta l’usura della gomma. I pneumatici sgonfi hanno un maggiore attrito con l’asfalto agendo come elemento frenante al moto della vettura. E’ buona norma far controllare la pressione dei pneumatici almeno ogni due settimane.
  • Una buona manutenzione dell’automobile è il segreto per contenere i consumi di carburante. Facciamo qualche esempio. Un filtro dell’aria otturato aumenta il consumo del 10-15%. Allo stesso modo, l’olio lubrificante troppo vecchio comporta uno sforzo maggiore al motore per lavorare. La convergenza errata delle ruote aumenta l’attrito con la strada. E’ quindi raccomandabile pianificare ogni anno un check up presso le officine autorizzate chiedendo il controllo completo della vettura.
  • Spegnere il motore in caso di sosta: in teoria converrebbe anche quando si sta fermi solo per una ventina di secondi, a patto che il motore sia già caldo.
  • Tutti gli apparati elettrici consumano carburante: è il caso dell’impianto stereo, del riscaldamento incorporato nei sedili e del climatizzatore (da usare solo se strettamente necessario; attivarlo occasionalmente anche d’inverno). Per produrre un chilowatt di elettricità serve quasi 1 litro di carburante.
  • Evitare le velocità elevate: un’automobile lanciata a 160 km/h consuma all’incirca il 45 % di più che a 120 km/h.
  • Quando è possibile, andate a piedi od usate la bicicletta: ne trarrà beneficio anche il vostro fisico.

Commenti (22)

  1. Tutti ottimi consigli!
    Li terrò a mente mentre guido.
    Grazie

  2. Grazie a te della visita, a presto!

  3. Abbiamo scoperto l’acqua calda………………., queste cose si sanno da anni, inutile raccontarcele non serve a niente.

  4. @condor: sarà anche acqua calda, ma c’è chi con questi consigli risparmia in un anno parecchi soldini. Ciao!

  5. oooh grazie dell’invenzione del risparmio carburante peccato che a tutto ciò che hai evidenziato te ci avevo già pensato da tempo e ancora più peccato che le differenze sono molto minime e nn così accentuate cm dici te.. pensavo avessi scoperto qualcosa di veramente geniale e nn l’acqua calda che tutti conosciamo…

  6. Ragazzi tranqulli, c’è gente che ha bisogno di risparmiare sulle piccole cose. Perchè criticare?

  7. ma che c…. di consigli sono questi

  8. ottimi consigli.. sono le piccole cose che fanno grandi differenze …se qualcuno non le apprezza peggio per lui

  9. Hai dimenticato l undicesimo consiglio… lasciare la macchina a casa e camminare a piedi ….

  10. @Lupin: beh, in verità è il decimo consiglio.

    Ciao e a presto!

  11. Anche i consigli più semplici a volte valgono la pena di essere ricordati. Grazie del suggerimento. Avete diversi articoli interessanti, continuate così.

  12. accelerare con dolcezza, evitando le partenze a razzo […] ricordando che l’uso continuo dei freni dissipa energia.
    Ove possibile, sfruttare il freno-motore.

    1)anche il freno motore dissipa energia dunque a parita’ di frenata non si risparmia un fico secco.

    2)l’accelerazione a razzo non impiega piu’ energia di quella lenta, ma cambia solo il tempo necessario a raggiungere la velocita’ desiderata…mai sentito parlare di potenza?

  13. il 25 dicembre è Natale

  14. Ma non capisco perchè criticate questi consigli alcuni possono essere anche banali ma ricordarli non fa male a nessuno, e poi cazzo scriveteli voi dei consigli migliori, a me ne viene in mente solo 1) Costringerte il governo a levare le accise per i svariati terremoti di 30 anni fà o più!
    Comunque complimenti per il post!

  15. Grazie Valerio, il risparmio nasce sempre da piccoli gesti apparentemente banali ma che sommati portano i risultati.

    A presto
    Riccardo

  16. Molti guidatori già da tempo adottano questi “consigli” e senza bisogno di alcun “consigliere”. E’ anche vero, però, che troppe persone, più o meno consapevolmente, hanno del consumo di carburante un’idea alquanto distorta. Su un forum, tempo fa, un tale sosteneva che l’auto, a una certa velocità in 5a marcia, consuma sempre lo stesso, indipendentemente dal carico: stesso numero di giri, stesso consumo…
    Ci sono peraltro, qui sopra, alcune inesattezze che mi permetto di segnalare.
    1 – L’uso del freno motore non comporta, di per sè, risparmio di carburante, ma piuttosto risparmio di pastiglie, dischi e pneumatici (il che non è certo da buttare).
    2 – “ogni chilo in meno farà risparmiare molti euro” è una frase esagerata e sibillina.
    Molti euro in quanti km? Togliendo ad es. 20kg la differenza in termini di km/l è difficilmente percepibile.
    3 – “Per produrre un chilowatt di elettricità…” è proprio sbagliato. Il kW è una misura di potenza.

    Per finire, faccio notare che, specie nel caso di motore diesel, l’adozione di questi accorgimenti permette di risparmiare BEN PIU’ del 10-20%. Da oltre 25 anni non scendo al di sotto dei 18-20km/l medi effettivi, sempre con motori intorno ai 1900cc.

  17. C’è gente che nemmeno ci pensa a mettere in pratica simili suggerimenti, anzi ha fatto bene a rammentare queste regole che per quanto semplici sono fondamentali. Se chi critica l’autore dell’articolo conosce già queste informazioni e magari sa fare di meglio, allora che vada altrove, a mettere in pratica la propria esperienza o a scrivere di meglio, qua mica si parla di “guru del risparmio”….

  18. Potrebbero sembrare stupidaggini ma invece mettendo in pratica queste cose si risparmia eccome

  19. Suggerimenti tutti validi, ma oggi dobbiamo assolutamente trovare il sistema di viaggiare con un risparmio massimo, senza dirlo alle nostre istituzioni ovviamente!

  20. Ho trovato in rete questo dispositivo http://www.pienopiu.it .
    Dispositivo geniale per ridurre i consumi .
    sembra veramente interessante questo ne è il contenuto :

    Cos’è Pienopiù
    Pienopiù è una centralina elettronica che riduce gli sprechi di accelerazione della tua auto. Ti garantisce un reale risparmio di carburante fino al 35%.

    Perché funziona davvero
    Pienopiù tiene sotto controllo il sensore dell’acceleratore. Ogni volta che acceleri più del necessario, lui corregge l’erogazione della potenza e ti dà quella giusta. In pratica elimina gli sprechi che tutti facciamo nella nostra guida quotidiana. Si può attivare e disattivare in qualsiasi momento grazie al telecomando in dotazione. Si installa facilmente e senza perdere la garanzia del costruttore. Si può rimuovere in qualsiasi momento, senza dover sostituire nulla.

    1. > Spegnere il motore in caso di sosta: in teoria converrebbe
      > anche quando si sta fermi solo per una ventina di secondi,
      > a patto che il motore sia già caldo

      In teoria, appunto… In pratica, alla lunga si rischiano danni.
      Oltre allo stress “lubrificativo” del motore, si potrebbe
      accorciare la vita della cinghia di distribuzione (che riceve
      uno strattone ad ogni accensione).

      [commento n°16]
      > L’uso del freno motore non comporta, di per sè, risparmio di
      > carburante, ma piuttosto risparmio di pastiglie, dischi e pneumatici

      No, con un moderno motore ad iniezione comporta anche risparmio
      di benzina perche’ se non si accelera e il regime motore e’ sopra
      i 1700/1800 giri l’alimentazione si interrompe.

      Il commento n°20 contiene un consiglio-bufala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>