Allarme diossina per le mozzarelle di bufala e per il latte

di pierfrancesco99 3

Dopo l’articolo di Ecologiae, osserviamo l’allarme diossina tra gli allevatori di bufale e operatori del mercato della mozzarella, c’è anche un inchiesta in Campania che vede indagate 109 persone. Il tutto è partito da un indagine su un clan attivo nel Casertano, per poi giungere al sequestro di caseifici e allevamenti, dopo la scoperta di valori di diossina superiori alla norma.

Ora si attendono i risultati delle analisi sui campioni prelevati dall’Istituto zooprofilattico sperimentale di Portici (Napoli) e portati nei laboratori per le diossine di Teramo. Ma non è finita qua, oltre a quantità massicce di mozzarelle, passatemi il termine avvelenate, sono state trovate fialette di anabolizzanti e di ormoni della crescita. Resta ancora da accertare se c’è una responsabilità di Asl e dei relativi comuni interessati. Un aspetto preoccupante riguarda il fatto che, dopo quelli sulle discariche, erano sbagliati anche i controlli sul latte. E questi errori avrebbero portato a sottostimare la presenza di diossina.


Ritengo agghiaccianti le dichiarazioni del commissario dell’Istituto zooprofilattico di Portici, Antonio Limone:

Comunque, non ci sono pericoli per la salute se non c’è un consumo massiccio, di quantità notevoli e per un lungo periodo

. Considerato che la mozzarella di bufala è uno degli alimenti più apprezzati.

Allarmi giungono anche dalle associazioni dei consumatori: “La diossina è uno tra i composti chimici più tossici – dice Benedetto Di Meglio, presidente della Federconsumatori della Campania – e una presenza forte di tale sostanza può rendersi responsabile di gravi danni, sia nell’uomo che negli animali, quali effetti cancerogeni, alterazioni del sistema immunitario e progressivi dimagrimenti. Il fenomeno è quindi estremamente allarmante. Chiediamo inoltre che gli enti competenti ed il ministero della Salute rendano trasparenti ed accessibili i risultati delle indagini, insieme a quelli delle analisi svolte. La priorità deve essere rivolta alla tutela incondizionata del consumatore, è necessario pertanto avviare le procedure indispensabili affinché siano preservati i diritti irrinunciabili dei consumatori”. Personalmente non mi è mai piaciuto creare allarmismi, Aviaria docet, ma quando si apprendono queste notizie, poi da fonti ufficiali, fa riflettere.

Commenti (3)

  1. sulla diossina nel latte o nel latte materno vedere anche blog.mammenellarete.it con esperta allattamento pubblicata oggi 13 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>