Diabete: screening gratuito ad Ancona per i dipendenti regionali

di Redazione 1

Il diabete è una malattia caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue e dovuta a un’alterata quantità o funzione dell’insulina. Esistono alcuni tipi di diabete. Diabete di tipo 1: esordisce prima dei 20 anni e a volte anche nella primissima infanzia. I sintomi consistono nell’aumento della quantità di urine emesse nelle 24 ore, in un aumento della sete, dell’appetito a cui però stranamente si accompagna un dimagramento. Diabete di tipo 2: spesso asintomatico viene più spesso diagnosticato casualmente nel corso di esami di laboratorio eseguiti per altri motivi. In molti pazienti il diabete resta lieve e senza sintomi, ecco perchè il paziente può anche non accorgersi di averlo per molto tempo. Diabete gestazionale: rilevato durante la gravidanza, é dovuto all’incapacità di aumentare adeguatamente la secrezione di insulina. Altre forme molto più rare possono essere associate ad infezioni virali (rosolia congenita, citomegalovirus) o a forme non comuni di diabete che colpiscono il sistema immunitario, o a varie sindromi genetiche.

Dopodomani ad Ancona, la campagna di istituzionale di informazione e sensibilizzazione sul Buon Compenso del Diabete prevede uno screening diabetologico gratuito per i dipendenti regionali. Organizzata dalla International Diabetes Federation (IDF) con l’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e la Societa’ di Diabetologia (SID), con l’apporto delle associazioni di volontariato AID e FAND e il Patrocinio del Ministero della Salute, sarà presente nel piazzale antistante Palazzo Li Madou (dalle 9 alle 17), una unità mobile attrezzata dove svolgere analisi ed esami quali: misurazione della pressione, della circonferenza addominale, peso, altezza, test della glicemia e dell’emoglobina glicata.

Prevenzione per una migliore cura della malattia, ricordando che la cura precoce riduce il rischio di infarto e mortalità:

Uno dei problemi principali del trattamento della malattia – afferma il professor Agostino Consoli, ordinario di Endocrinologia dell’Università di Chieti – è proprio quello di far capire al paziente che è necessario trattare oggi questa malattia silenziosa, per star meglio in futuro.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>