Milano: 1 mln di euro a fondo perduto per il centro storico

di Laura Commenta

Affitti stratosferici che divengono impossibili di fronte a guadagni prosciugati dalla crisi? Il comune di Milano ha pensato di porre fine al salasso subìto da gestori di locali. Un milione di euro messo a disposizione delle botteghe sto­riche per aiutarle a pagare gli affit­ti, in questo modo il Comune cercherà di frenare la parte storica di Milano e la sua economia. Se ne sta occupando l’assessore alle Attività Produttive Giovanni Terzi, che sta predisponen­do un bando per i 219 esercizi doc della città.

Il bando prevederà un contri­buto a fondo perduto di 5000 euro a sostegno dell’affitto (per chi si ritrova gli affitti triplicati nel giro di pochi anni) e ne potran­no usufruire 200 botte­ghe storiche su 219, quindi solo 19 ne saranno escluse.

L’inten­zione del Comune di salvaguar­dare i negozi storici — afferma il presidente dell’Unione del Commercio, Carlo Sangalli — è certamente valida e va nella giu­sta direzione. È un primo, posi­tivo passo. Noi credia­mo che il negozio storico possa esse­re sostenuto con una serie di in­terventi: a cominciare, per i ca­si più difficili, dalla possibilità di individuare proprietà pubbli­che di egual pregio da proporre come sedi alternative. Ma si possono anche studiare soluzio­ni di affitti calmierati, ipotesi di modelli di vincolo di destinazio­ne d’uso. E per questi esercizi andrebbero azzerati o fortemen­te ridotti i tributi locali.

Non è che come camera di commercio ci muoviamo adesso – prosegue Carlo Sangalli -. L’ultimo bando di incentivi per le botteghe storiche risale al 2007. Insieme alla Regione abbiamo messo a disposizione un milione e mezzo di euro per aiutare chi era in difficoltà. Adesso siamo pronti ad aprire un altro bando, che si andranno ad aggiungere al milione di euro messi a disposizione dal Comune con l’assessore Giovanni Terzi. D’altra parte a me piace ripetere una frase di Montanelli: un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>