Detrazioni fiscali 2014 risparmio energetico, bonus 65% per spese fino a 10mila euro

di Malvi Commenta

La legge di Stabilità 2013-2014 ha deciso per il prolungamento delle detrazioni fiscali a tutto il 2014. Sono stati mantenuti anche i massimali fissati dal Governo per l’anno scorso per cui, in linea di massima, non cambia niente per coloro che hanno intenzione di sostenere spese nel 2014 per ristrutturazioni, acquisto di elettrodomestici e immobili e efficienza energetica.

In questo articolo approfondiremo proprio il quadro che interessa coloro che sono alle prese con lavori di rifacimento caldaia, per esempio, e in generale di opere inerenti il risparmio energetico. Così come era nel 2013, anche nell’anno che è appena cominciato, lo Stato garantisce detrazioni del 65% dall’Irpef o dall’Ires, ripartite in 10 quote annuali di pari importo.

Quello che presenterete nella prossima denuncia dei redditi, insomma, vi sarà restituito nei prossimi dieci anni. Il risparmio dunque non è immediato – perché dovrete comunque sborsare per intero la spesa relativa ai lavori di riqualificazione energetica – ma nei prossimi dieci anni potrete beneficiare della agevolazioni fiscali che, un po’ per volta, vi faranno recuperare un bel po’ di soldi. Per gli interventi eseguiti fra il 1 gennaio 2015 e il 31 dicembre 2015, invece, le detrazioni fiscali passeranno dal 65 al 50%.

Come essere sicuri di poter usufruire delle detrazioni fiscali consentite dalla nuova legge di Stabilità? E’ fondamentale fatturare tutte le spese sostenute: sarà proprio la fattura, infatti, a provare che avete effettivamente sostenuto una determinata spesa. I pagamenti delle spese da voi fatte, inoltre, andrà effettuato con bonifico in modo da avere una sorta di ricevuta che proverà l’ammontare della spesa.

Prima dovrete farvi emettere la fattura dall’azienda che ha fatto i lavori e poi dovrete fare il bonifico. Questo perché al momento del pagamento dovrete indicare il numero della fattura corrispondente ai lavori che vi sono stati fatti. Fate attenzione, dunque: per usufruire delle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico dovrete seguire scrupolosamente tutta la procedura.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>