Geloni: come risparmiare sui medicinali con una corretta prevenzione

di Redazione 1

L’autunno è giunto e con esso il freddo. Dopo aver abbandonato ombrelloni, creme solari, pinne e secchielli per i più piccoli, si presente uno dei problemi di questa stagione. Dopo l’influenza che comincia già ad attanagliare parte della popolazione, esiste un altro problema, che le persone con la pelle più delicata sono costrette ad affrontare: i geloni.

Anche se non sono ancora iniziati i veri freddi, l’abbassamento delle temperature medie porta problemi legati al freddo di questo periodo. Oggi i geloni si presentano con estrema facilità, e queste fastidiose fissurazioni e irritazioni, in particolare delle dita, sembrano guarire con molta difficoltà. Una corretta prevenzione ci può aiutare. Utile sapere che la somministrazione di alcuni minerali (tra i quali soprattutto Zinco, Rame e Cobalto) e di Vitamina C, rende la pelle più resistente alle lesioni. Mentre lo stress cronico la invecchia precocemente. Occorre inoltre preparare la pelle delle mani con una buona crema di cui noi di guadagno vi forniamo la ricetta, perchè attenti alla salute e al risparmio.

In questa ricetta di bellezza s’impiega la farina di mandorle amare, che rende bianca e morbidissima la pelle, ed è quindi ideale per i rossori, dovuti a irritazioni della cute. La farina di mandorle amare è ottima anche per prevenire la disidratazione. Usata anche per bagni emollienti ed ammorbidenti.

Occorrente

1) Farina di mandorle amare

2) Cera d’Api

3) Pentolino

Far riscaldare e sciogliere in un pentolino 2 parti di cera d’api, quindi aggiungere 1 parte di mandorle. Quando il composto si sarà raffreddato, potremo versarlo in un vasetto sterile con coperchio. Se fosse troppo liquido o troppo denso si può aumentare la quantità di uno dei due ingredienti: più cera se troppo liquido, più olio se troppo denso.

Spalmate ogni giorno questa crema e ricordate di usare i guanti quando uscite di casa. Se poi desiderate delle mani splendide, in passato ci siamo occupati di come fare un perfetto french senza ricorrere all’estetista.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>