E’ in arrivo la casa ecocompatibile low cost: 100 mq a 100.000 euro

di Redazione 5

Costruire in modo ecocompatibile e risparmiando energia non è più un lusso per pochi: oggi queste tecnologie sono finalmente alla portata di tutti. Da sempre l’uomo, nell’abitare, ha cercato le soluzioni più efficienti ed il massimo confort. Oggi, per la prima volta, questa ricerca non è in contrasto con il rispetto della natura e con la sperimentazione di soluzioni che, risparmiando energia, permettono anche una gestione più economica degli ambienti in cui viviamo. I più moderni principi della bioedilizia e della domotica prevedono che la casa, in quanto habitat privilegiato di tutti noi, deve rispondere agli standard più avanzati in fatto di efficienza energetica e rispetto per l’ambiente. Isolamento termico ed acustico; impianti di riscaldamento ad energia pulita e gestione separata delle acque potabili e di servizio. Sono tutti accorgimenti che pochi anni fa erano destinati solo a poche ville o dimore di pregio, ma che oggi si stanno diffondendo sempre più nell’edilizia residenziale.

Ed ora arriva addirittura la notizia che Italcementi ha firmato un accordo con Mario Cucinella, architetto bolognese attento al tema della sostenibilità in architettura, per costruire la prima casa ecocompatibile low cost. Si tratta di una casa di 100 mq e 100mila euro costruita con i migliori materiali e le più avanzate tecniche eco-sostenibili. Una prefabbricazione non standardizzata, con elementi strutturali leggeri e attrezzature mobili, come pareti scorrevoli e curvabili e sistemi di chiusura a monoblocchi, consente di diversificarne l’aspetto sia esterno che interno permettendo a ognuno di elaborare e costruire il proprio ambiente domestico. Inoltre dotata delle più sviluppate tecniche per il risparmio energetico, grazie all’utilizzo di superfici captanti energia solare per i mesi invernali, circolazione interna dell’aria per quelli estivi, e a tutte le strategie passive adottabili per rendere l’edificio una macchina bioclimatica. Inoltre l’energia in eccesso prodotta dai pannelli fotovoltaici sarà rivenduta grazie ai generosi incentivi del Conto Energia. La prima città pronta a dare concreta attuazione al progetto è quella di Settimo Torinese: trenta alloggi eco-sostenibili sono previsti in un’area industriale dismessa interessata da un progetto di recupero urbano.

Commenti (5)

  1. Come e dove avere più info per quanto riguarda il suo acquisto?

  2. Dove posso rivolgersi per acquisto?….dove si costruisce in italia?…piu info!

  3. ho visto l’articolo ma vedo che è un pò vecchio, è possibile saperne di più o avere i contatti con questa ditta?

  4. Anche io vorrei sapere a chi rivolgermi per l’acquisto,
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>