E-fuel: produrre carburante con lo zucchero si può

di Redazione 9

Vi siete accorti che con la stessa somma spesa per la benzina ora riuscite a percorrere più Km? Sicuramente il prezzo della benzina si è ridotto, ma non proporzionalmente a quello del petrolio. Tralasciamo i motivi per i quali questa proporzionalità è sempre tardiva e pensiamo alle cose concrete. Il caro-petrolio comporta a tutti gli automobilisti una maggiore spesa in carburante. Rinunciare all’automobile è però spesso impossibile. Come risparmiare sul carburante? E se fosse possibile produrlo con un pò di zucchero? Favole, direbbe qualcuno, o miraggi. Eppure c’è qualcuno che ci sta pensando. O meglio, ci ha pensato e ha già messo su il suo impianto carburante fai da te.

Si tratta di un impianto di produzione di biocarburanti di dimensioni domestiche e del costo di circa USD 10,000. Leggete tutti: questo impianto sfrutta la fermentazione dello zucchero.

L’apparecchio somiglia molto a una piccola pompa di benzina. Da chi acquistarlo? Direttamente da E-Fuel Corp al prezzo di 10 mila dollari. Il prezzo può portare qualcuno a scoraggiarsi ma l’azienda produttrice assicura che l’investimento iniziale viene ripagato in breve tempo, poiché un litro di etanolo ottenuto tramite il MicroFueler dalla fermentazione dello zucchero costa meno di 15 centesimi di euro. Tanto per fare un’esempio concreto, al prezzo attuale della benzina, una famiglia dotata di due automobili che percorrono un totale di circa 55 mila chilometri all’anno ammortizzerebbe il costo in meno di due anni.

Il dispositivo sara’ presto prodotto in Cina e Inghilterra, e il produttore ha gia’ annunciato di avere in programma una versione per uso commerciale che sfrutti anche altre materie prime.

In attesa che arrivi in Italia noi di Guadagno continuiamo con i nostri consigli: non entrate nel primo distributore che vi capita anche se le differenze tra una compagnia e l’altra sembrano minime. Pochi centesimi in realtà fanno una certa somma quando si fa un pieno e alla fine dell’anno avrete risparmiato un bel pò.

Commenti (9)

  1. “Vi siete accorti che con il pieno ora riuscite a percorrere più Km?”

    Non credo che la variazione del prezzo del petrolio possa influire sul numero dei km percorsi con un pieno. Al max lo paghiamo di meno…

  2. Vedo che hai capito la metafora 🙂

  3. Io non l’ho capita

  4. Pesa più un Kg di ferro o un Kg di paglia? 😀

  5. dovete considerare le tasse sui carburanti……

  6. Non potete produrre carburante…..se lo fate evadete le tasse ed è reato penale……

  7. Se stiamo a guardare cosa è illegale.. allora i comuni italiani sarebbero da abbattere, come tante altre società…
    Veniamo a noi… io posso produrmi il vino.. oppure diciamo pure che mia zia produce la grappa in casa, sarebbe da ergastolo secondo il tuo ragionamento, perche non è sottoposta a marchio del monopiolio di stato?
    Ma non diciamo buffonate!

  8. E’ vero, si evadono le accise sui carburanti ( tasse che citano di guerre oramai solo sui vecchissimi libri di storia)

  9. Il potere calorifero è minore…semmai ne percorri di meno di km a parità di volume. geni del male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>