Crisi economica: solo un italiano su due riesce a risparmiare

di Redazione 3

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori? Se questo era vero fino a qualche tempo fa, probabilmente questa affermazione deve essere un po’ rivista. Ma non perchè le nostre tasche si siano improvvisamente bucate, al contrario, sembra che si siano svuotate per altri motivi. Il Centro ricerca Einaudi con Intesa Sanpaolo e con la collaborazione della Doxa, ha sondato nei mesi di febbraio e marzo 2011 un campione di 1.057 capofamiglia della Penisola. Il requisito che ha accomunato questi cittadini nell’indagine é stata  la titolarità di un conto corrente.

Si e’ spesso pensato all’Italia come a un Paese di formiche, di grandi risparmiatori e invece da qualche anno non e’ piu’ così – ha sottolineato Gregorio De Felice, capo-economista di Intesa Sanpaolo, presentando a Torino i dati dello studio sul ‘Risparmio e le scelte finanziarie degli italiani – La flessione del risparmio e’ una diretta conseguenza della bassa crescita del Paese, tallone di Achille della nostra economia, ed e’ un campanello di allarme.

Dall’indagine é emerso che l’incidenza del risparmio sul reddito nazionale disponibile lo scorso anno sia scesa al 6%, meno della meta’ rispetto agli anni 90. Il dato é calato soprattutto a causa della disoccupazione, e rappresenta un segno negativo dell’economia e dello stato di salute delle famiglie italiane. La crisi ha inoltre costretto il 44% del campione a intaccare i risparmi e solo il 19% non ha mutato nulla del proprio stile di vita. In pratica sono aumentate le rinunce, anche di beni ritenuti importanti: il 21% ha rinviato l’acquisto di una casa, il 38% quello di un auto.

Commenti (3)

  1. Ciao a tutti, vorrei consigliarvi http://www.risparmiosuper.it
    Avrete la possibilità di confrontare le offerte dei supermercati vicino casa, così da scegliere le più convenienti!
    E’ stato calcolato un risparmio che può raggiungere i 1.000 l’anno!

    Privatelo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>