Auto elettrica, la Fiat progetta una nuova city car

di Malvi Commenta

Auto elettrica, la casa automobilistica Fiat lancia sul mercato una nuova city car: rispetto dell'ambiente e risparmio…

Da tanto tempo si parla di auto elettrica che in Italia stenta a decollare mentre nel resto di Europa, soprattutto negli stati del Nord, le auto a elettricità vengono vendute che è una meraviglia. Ma adesso anche la casa automobilistica Fiat sembra credere in questa nuova opportunità tanto da voler lanciare sul mercato una nuova city car più piccola della più famosa 500 che consentirà agli italiani grande risparmio sul suo utilizzo.

AUTO ELETTRICA PER RISPARMIARE E LA MAPPA DELLE STAZIONI DI RICARICA METANO, IDROGENO, GPL

Il modello di nuova auto elettrica targata Fiat è stato presentato da Marchionne: è previsto in vendita nel 2018 e sarà una city car che riprende la Fiat Mobi presentata, nella versione a benzina ed etanolo, nelle scorse settimane per il mercato brasiliano. Nel 2019 è in previsione anche una versione tutta elettrica perfino della Maserati. Insomma anche la casa automobilistica italiana per eccellenza sembra avere capito l’importanza di investire sulle auto elettriche che, oltre che rispettare maggiormente l’ambiente, regalerebbero anche grande risparmio agli italiani.

 AUTO ELETTRICHE PER RISPARMIARE, L’ESEMPIO DELLA NORVEGIA

Non a caso i paesi più altamente civilizzati (Scandinavia, Norvegia, Olanda, Danimarca, solo per citarne alcuni) da tempo hanno investito su questa nuova tecnologia che consente di ridurre di gran lunga i consumi (e in Italia sappiamo bene quanto costa il carburante, benzina o diesel che sia). Vedremo dunque come risponderanno gli italiani quando, tra un paio di anni, la nuova city car elettrica targata Fiat verrà immessa sul mercato. Uno degli handicap delle auto elettriche, infatti, è rappresentato dal costo, spesso elevato.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>