Latte crudo, dalla stalla al consumatore. Pro e contro, il video

di Redazione Commenta

Nel primo ‘900 al “latte crudo” è stata, per problemi certamente igienici connessi alla plausibile esistenza di batteri patogeni presenti nel processo di mungitura, imposta la sterilizzazione. Oggi, però, la distribuzione di “latte crudo” a Km 0 (cioè nel limite di un’area circoscritta e vicina in relazione alla zona in cui si trova il produttore) è consentita ed infatti sono decine i distributori (gestiti sul territorio da consorzi e associazioni) di latte crudo sparsi in Italia e il fenomeno è in grande aumento.

Ma quali sono i passaggi e gli eventuali trattamenti che il latte crudo, prima di arrivare sulle nostre tavole, deve fare? E, soprattutto, quali sono i rischi di bere latte crudo? Per la “produzione” la prima fase riguarda naturalmente la mungitura del latte nella stalla, successivamente avviene la depurazione e il raffreddamento in cui il latte viene portato ad una temperatura che oscilla tra lo 0 e i 4 °C. Il latte crudo, così, è pronto per essere consegnato ai consumatori mediante dei distributori automatizzati a self-service. Il prodotto è molto apprezzato sia per il gusto che per la ricchezza di proteine e vitamine rispetto al latte pastorizzato dato che non subisce alcun processo termico che comporta la sterilizzazione né la omogeneizzazione. Ma proprio perché non è soggetto a questi passaggi che il latte crudo potrebbe produrre rischi microbiologici maggiori.

Nonostante le mandrie siano sottoposte a  degli specifici esami igienico-sanitari 2 volte al mese, è stato constatato il pericolo di esistenza di organismi patogeni in circa il 15-20 % dei casi. Per questo  motivo il Ministero della Salute italiano consiglia al consumatore di bollire sempre il latte crudo prima del consumo. Di seguito vi proponiamo un video, con interviste a produttori ed espeti del settore, realizzato da Altroconsumo (associazione italiana di consumatori senza fini di lucro) con un interessante approfondimento sul latte crudo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>