Animali a Genova: tutele e cure gratis

di Redazione 1

Nasceranno sul territorio genovese, casette prefabbricate per gatti, con brandine, ciotole e acqua fresca, che le comunità di “gattare” dovranno tenere pulite: così Genova esprime il desiderio di giustizia e rispetto verso gli amici a quattro zampe, ampio spazio alle iniziative comunali che prevedono cure veterinarie gratis per le fasce sociali svantaggiate, e l’affido degli animali abbandonati agli ospedali per affiancare le cure. La costruzione di prefabbricati utili ad ospitare gatti, sarà organizzata dal comune, una sorta di gattili-rifugio che mettono a disposizione dei piccoli ospiti lettini, ciotole di cibo e acqua per tutti.

Il regolamento sarà efficace se applicato completamente e se la situazione in città sarà costantemente monitorata – sottolinea l’assessore Montanari -, fondamentale è la parte che riguarda l’informazione, la formazione e la sensibilizzazione dei cittadini, e la tutela tout court degli animali e del rapporto tra loro e l’uomo.

Obbligo di tenere i cani legati al guinzaglio, divieto di commercializzare tartarughe non indigene di qualsiasi specie oppure, meglio ancora, mettere in palio nei giochi a premi animali domestici come i pesci, i pulcini, le papere ecc. Anche i circhi con animali, prima di attendarsi in città, dovranno avere autorizzazione igienico-sanitaria e veterinaria della Asl, a cura del Comune.

Norme anche per gli animali che normalmente finiscono a tavola: divieto ai ristoranti e pescherie di lasciare i crostacei vivi sul ghiaccio e sottometterli a una atroce sofferenza, divieto di tenere legate le chele di scampi, aragoste e analoghi. Sarà vietato dare cibo ai piccioni, saranno però istituite delle aree speciali in cui sarà consentito e dove sarà fornito anche il becchime. Protezione assoluta anche per insetti e animali tra cui grilli, cicale, libellule, molti anfibi, rettili e pipistrelli che spesso ci aiutano nella lotta contro le zanzare: sono i primi a nutrirsene, quindi cerchiamo di diventare amici anche di gechi, lucertole e grilli: riusciremo?

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>