I consumatori gradiscono l’hard discount

di Laura 1

Lidl, Penny Market, Eurospin, DPiù… Solo sono alcuni nomi dei più famosi negozi che se fino a qualche anno fa venivano chiamati discount oggi aumentano la dose e diventano “hard discount”. Sono quei posti dove, recatisi per risparmiare, se si incontrava la vicina di casa si diceva:

Anche tu qui? Io ci sono capitata per caso e mi sono detta che quasi quasi venivo a dare un’occhiata, ma ti dico che i detersivi sono buoni, ma non comprerei mai la roba da mangiare.

E la cosa peggiore era che però nel carrella la signora in questione aveva già la carne e la pasta. Complice la crisi, gli hard discount si prendono oggi la loro rivincita. Aumentano il numero dei prodotti, si dotano di certificazioni di qualità e ottengono il favore dei consumatori. Nascono nuovi punti vendita e assumono personale.

Giacinto Brighenti di Federconsumatori afferma:

Il risparmio realizzabile nei discount va mediamente dal 25 al 50 per cento. Il loro successo è in crescita dal 2005, quando si è iniziato a parlare di problemi della quarta settimana. E prosegue anche ora che i prezzi sono in flessione. Dalle nostre rilevazioni emerge che a Milano, a marzo, diminuiscono del 7 per cento su febbraio 2009 e del 5,7 su maggio 2008 per il paniere agroalimentare. Mentre per un secondo paniere di carne, pesce, farina, pasta e formaggio il calo è del 16 per cento su febbraio 2009 e del 19 su maggio 2008. Solo il pane continua a rincarare.

Esselunga ha annunciato un investimento di 70 milioni di euro nel 2009 allo scopo di abbassare i prezzi di oltre mille prodotti, sia di marca sia a marchio Esselunga, ma non solo :anche frutta, verdura e carne fino al 50 per cento del prezzo attuale.

Come reagisce la Gdo? Prodotti “primo prezzo” o con il marchio del supermercato, promozioni per fare concorrenza ai discount. Corsie piene di offerte e i prodotti low cost, taglio dei prezzi dei prodotti di marca. Tutto per evitare che si perdano clienti a favore dei discount che diventano sempre più hard.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>