Spesa alimentare: Nestlé analizza le abitudini dei consumatori

 
Giada Aramu
30 maggio 2012
Commenta

Spesa Spesa alimentare: Nestlé analizza le abitudini dei consumatoriLa crisi influenza il nostro atteggiamento durante la spesa settimanale? I dati raccolti durante la terza edizione dell’Osservatorio Nestlé-Fondazione ADI hanno sottolineato un atteggiamento diverso, più attento e consapevole.

Secondo i dati resi noti da Nestlé, il 64% degli italiani sceglierebbe di acquistare un prodotto spinto dal prezzo più prezzo, mentre più di un consumatore su quattro ha dichiarato di rimanere fedele al brand di fiducia (25,5%) e di non voler rinunciare alle proprie abitudini alimentari.

Lo studio svolto da Nestlé-Fondazione ADI ha rilevato ben cinque cluster di consumatori, categorie che sono state individuate tenendo in considerazione il rapporto tra prezzo e situazione economica:
I fedeli (25,5%): Il prezzo è poco rilevante perché cercano solo i prodotti del loro brand preferito, sono i consumatori che non rinuncerebbero ai prodotti che acquistano da anni
I last minute (43%): I consumatori che non conoscono i prezzi, ma cercano sempre di acquistare rispettando le ultime offerte
I parsimoniosi (21%): Questi consumatori sono sempre alla ricerca del prezzo più basso, spesso quello offerto dal marchio del brand economico del supermercato in cui si effettuano gli acquisti
Gli innovatori (6,7%): Loro sono disposti a pagare in più per caratteristiche di prodotto nuove, speciali e distintive. Sono i consumatori che non prevedono di cambiare le proprie abitudini e che difficilmente sono disposti a variare il proprio atteggiamento di acquisto
Gli indifferenti (3,8%): Questi consumatori non conoscono il prezzo, né lo ritengono rilevante durante i loro acquisti

Come sottolinea Nestlé, è importante che i consumatori tengano in considerazione la qualità dei prodotti acquistati per non compromettere la salute della famiglia. Per farlo, è utile che il consumatore dedichi tempo alla lettura delle etichette, alla data di scadenza dei prodotti e che valuti le offerte ricordando sempre di prediligere il risparmio in altri settori economici (accessori per la casa) piuttosto che nel campo alimentare.

Photo Credits | Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Spesa alimentare no logo: come risparmiare 3500 euro

Spesa alimentare no logo: come risparmiare 3500 euro

Quanto denaro spendiamo ogni anno per fare la nostra spesa alimentare e per acquistare i beni di prima necessità? Secondo una ricerca Istat, ogni famiglia spende in media 6.372 euro […]

Risparmiare sulla spesa alimentare, i segreti delle etichette private

Risparmiare sulla spesa alimentare, i segreti delle etichette private

Siete sempre alla ricerca di un modo semplice ed efficace di risparmiare sulla spesa alimentare? Se siete assidui frequentatori di super ed ipermercati, sapete molto bene che in ciascuna insegna […]

Vuoi sapere quanto e dove puoi risparmiare sulla spesa? Nasce sms consumatori

Vuoi sapere quanto e dove puoi risparmiare sulla spesa? Nasce sms consumatori

Sulla scorta degli aumenti, spesso indiscrimanti e ingiustificati di alcuni generi alimentari, come pasta, pane e latte, e come forma di costrasto e per venire incontro alle esigenze dei consumatori […]

Come risparmiare sulla spesa alimentare

Come risparmiare sulla spesa alimentare

Voglio segnalarvi un iniziativa di Lidl, azienda leader nel mondo della grande distribuzione con circa 500 punti vendita dislocati su tutto il territorio nazionale. L’azienda, infatti, sta annunciando in questi […]

Milano: risparmiare sulla spesa alimentare

Milano: risparmiare sulla spesa alimentare

Milano è per antonomasia una delle città più care d’Italia e per cercare di cambiare questa situazione il Comune e la Coldiretti hanno proposto la creazione di un outlet del […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento