YouTube: sezione Film Gratis

di Laura Commenta

E’ stato stipulato un accordo fra MGM e YouTube che permetterà di mandare su YouTube i film gratis per tutti gli utenti. Ormai non esiste più il modo per fermare le migliaia di siti che offrono film da scaricare o da vedere gratis, così YouTube, dopo aver ospitato al suo interno contenuti generati dagli utenti, videoclip, trailer, inaugura la sezione Film. Una scelta motivata dall’avvento della concorrenza: YouTube è il portale di videosharing più famoso al Mondo ma Hulu, il portale Americano che ospita film gratuiti e visualizzabili in streaming lo sta superando per qualità dei video ma anche per numero di utenti.

La sezione Film di YouTube nasce grazie all’accordo con Sony Pictures e BlinkBox, al momento icontenuti nella sezione sono “Oldies” e una gran quantità di Film “made in Bollywood”. Vecchie pellicole quindi, tuttavia una gran quantità di Film potrebbero suscitare interesse negli appassionati nostalgici. Nella sezione televisiva debutteranno infatti gli episodi del famoso “American Gladiators”, mentre nel canale dedicato ai film potremo “Il Monaco” e “I magnifici sette”. I filmati offerti dalla Metro Goldwyn Mayer’s saranno affiancati da pubblività, i cui ricavati andranno sia alla casa di produzione cinematografica che a YouTube (ovviamente, altrimenti come avrebbero potuto offrire il servizio gratis?).

Al momento, le major sono più convinte dai progetti come Hulu, rispetto alla via “ibrida” (film, video utenti, trailer, tutto insieme) proposta da YouTube. L’idea di avere i propri prodotti contigui a quelli generati dagli utenti sembra non piacere molto all’industria del settore:

Avremo alcuni lungometraggi su YouTube – ha sottolineato Jim Packer, copresidente della MGM -, ma non penso sia la piattaforma più adatta per avere più di 30 o 40 film in una volta. Per fare una cosa del genere mi sento molto più a mio agio su Hulu.

Sembra tutto perfetto, ma dobbiamo ancora fare luce su un aspetto: la nuova sezione sarà, ahinoi, solo in inglese, inadatta a chi non conosce la lingua, ma che può rivelarsi un ottimo strumento di apprendimento per chiunque voglia cimentarsi nella lingua Inglese. E probabilmente una versione italiana sarà già sbarcata oltreoceano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>